Hire Writer
Menu
  Back to all posts

Manager di Rete - Apprendimento cooperativo

05 Sep 2018

Cos’è l’apprendimento cooperativo

E' un metodo didattico che utilizza piccoli gruppi in cui gli studenti lavorano insieme per migliorare reciprocamente il loro apprendimento

Perché usare l'apprendimento cooperativo

  1. Gli studenti ottengono risultati migliori.
  2. Relazioni più positive tra gli studenti.
  3. Maggiore benessere psicologico.

Cosa occorre perché l'apprendimento cooperativo abbia successo

  1. Interdipendenza.
  2. Responsabilità individuale e di gruppo.
  3. Interazione costruttiva.
  4. Conoscenza delle abilità necessarie nei rapporti interpersonali.
  5. Valutazione di gruppo

A mediazione dell'insegnante (Teacher centered)

L'insegnante: 

  • E' la principale fonte della conoscenza e del sapere.
  • Decide cosa deve essere conosciuto e quando.
  • Suscita motivazione.
  • Individualizza l'apprendimento.
  • Decide i ritmi .

A mediazione sociale (Students centered - incentrati sugli studenti)

Gli allievi:

  • Sono soprattutto le risorse fondamentali dell'apprendimento.
  • Si aiutano reciprocamente.
  • Stabiliscono il ritmo del lavoro.
  • Si correggono e si valutano secondo diverse modalità.
  • Sviluppano le relazioni sociali per favorire l'apprendimento

L'insegnante:

  • E' un organizzatore, coordinatore, facilitatore delle attività.

Gli obbiettivi si realizzano con:

  • Il coinvolgimento del maggior numero possibile degli studenti.
  • L'uguale partecipazione di tutti.
  • La resposabilità individuale.

Tipologie di approccio

  • Peer tutoring (insegnamento reciproco)
    Gli studenti stanno in coppia: uno fa da tutor

  • Peer collaboration (collaborazione tra pari)
    Gli studenti si trovano alla pari rispetto al compito da svolgere

  • Cooperative learning (apprendimento cooperativo)
    Il gruppo realizza tra i membri una relazione per conseguire un risultato (interdipendenza positiva)

Apprendere in Gruppo: Tipologie di gruppi di lavoro

  1. Pseudogruppo di Apprendimento
    Gli studenti non hanno alcun interesse a lavorare insieme sembrano collaborare ma sono in competizione (vedono nei compagni dei rivali, si nascondono le informazioni, tentano di sviarsi, non si fidano di nessuno) risultato: il potenziale del gruppo è inferiore a quello dei singoli studenti.
  2. Gruppo tradizionale di apprendimento
    Gli studenti accettano volentieri di lavorare in gruppo, i compiti però non sono strutturati per il lavoro di gruppo, spesso la valutazione è del singolo e manca quella del gruppo, l'aiuto e la condivisione sono minimi, alcuni studenti lavorano ed altri no. Risultato: il potenziale del gruppo è superiore a quello di alcuni membri, ma gli studenti più diligenti otterrebbero risultati migliori lavorando da soli.
  3. Gruppo di apprendimento cooperativo:
    -Gli studenti accettano volentieri di lavorare in gruppo
    -Sono stimolati dall'obbiettivo di massimizzare l'apprendimento di tutti (tutti per uno uno per tutti)
    -I membri si ritengono tutti responsabili per lo svolgimento del lavoro
    -Gli studenti si scambiano informazioni, assistenza, spiegazioni e incoraggiamento
    -Ai membri vengono spiegate le abilità sociali da raggiungere per far funzionare il gruppo e quelle cognitive richieste dal compito
    -Risultato: l'efficacia complessiva del gruppo è superiore alla somma di quella delle sue parti. tutti gli studenti forniscono risultati migliori che se avessero lavorato da soli. 

Tipologie di gruppi di lavoro

  1. Gruppi formali
    durano una lezione od alcune settimane
  2. Gruppi informali
    gruppi ad hoc che durano da pochi min. al tempo di una lezione
  3. Gruppi di base
    gruppi eterogenei a lungo termine. durano almeno un anno

Insegnante e lezione cooperativa

Prende decisioni preliminari
- definisce gli obbiettivi in termini di abilità scolastiche e sociali
- decide le dimensioni dei gruppi
- decide la composizione del gruppo
- assegna i ruoli
- sistema l'aula
- organizza i materiali

Spiega il compito e l'approccio cooperativo
- spiega il compito
- spiega i criteri di valutazione
- struttura l'interdipendenza positiva
- struttura la cooperazione intergruppo
- struttura le abilità individuali
- insegna le abilità sociali

Controlla e interviene
- favorisce l'interazione costruttiva diretta
- esegue il monitoraggio del comportamento degli studenti
- interviene per migliorare il lavoro del gruppo e sul compito
- chiude la lezione

Verifica e valuta
- valuta l'apprendimento degli studenti
- valuta il funzionamento dei gruppi

Verifica e valutazione dell'apprendimento
- Verifica: raccolta di dati necessari a formulare un giudizio
- Valutazione: giudizio di valore formulato sulla base dei dati disponibili

Le 5 regole fondamentali
1. il processo di verifica e valutazione deve svolgersi nel contesto dei gruppi di apprendimento
2. verificare con costanza e sistematicità
3. coinvolgimento degli studenti nella verifica del livello di apprendimento proprio e dei compagni
4. usare un sistema basato su criteri obbiettivi per la verifica e la valutazione
5. usare metodi di verifica diversi

Order your paper now!